Il forum di SICUREZZAONLINE è stato ideato, realizzato e amministrato per oltre 15 anni da Giuseppe Zago (Mod).
A lui va la nostra gratitudine ed il nostro affettuoso ricordo.
News: Il Forum avrà presto una nuova e moderna veste grafica! ;-)

Esempi di PSC e POS (in Word editabile)

Archivio Cantieri temporanei o mobili/Cave/Edilizia.
Non sempre le procedure sono chiare e semplici. Per questo lo Staff di Sicurezzaonline ha attivato questa sezione per raccogliere tutte le problematiche relative alla sicurezza nei Cantiere Edili, nelle Cave e alla normativa tecnica in Edilizia (Riservato agli abbonati)
Avatar utente
cesarean
Messaggi: 140
Iscritto il: 30 mag 2008 19:48

movimentazione e coordinamento

Messaggio da cesarean »

un'ernia no ma un grosso bernoccolo (a quello sotto) o un piede spiaccicato a quello accanto si!
intendo, cioe', magari un riferimento a controllare chi ti sta vicino mentre movimenti un carico magari e' opportuno: tu pensa all'idraulico che muove una barra di tubo di 3 o 4 ml...., comunque il dubbio e' se tale coordinamento e' improprio riferirlo alla movimentazione manuale o alla strutturazione di percorsi e aree di carico e scarico con lavorazioni interferenti
Avatar utente
cimmi
Messaggi: 354
Iscritto il: 13 nov 2008 21:16

Messaggio da cimmi »

UNO NESSUNO CENTOMILA....
una testa una idea
nessuna testa nessuna idea
centomila teste centomila idee
il modo è bello perche è aviarato o pardon....percè è vario.

:smt023
Bisogna essere seri, ma mai sul serio
Avatar utente
ursamaior
Messaggi: 4833
Iscritto il: 16 dic 2004 14:01
Località: L'isola che non c'è

Re: movimentazione e coordinamento

Messaggio da ursamaior »

cesarean ha scritto:un'ernia no ma un grosso bernoccolo (a quello sotto) o un piede spiaccicato a quello accanto si!
Mi sembrava evidente che mi riferivo a quei PSC che riportano il rischio di movimentazione manuale dei carichi e come misure di prevenzione quelle consistenti nel piegarsi correttamente sulle ginocchia etc.
resta il fatto che il PSC deve contenere la parte relativa ai rischi interferenziali
Lo Stato è come la religione: vale se la gente ci crede (Errico Malatesta)
Avatar utente
cesarean
Messaggi: 140
Iscritto il: 30 mag 2008 19:48

e' vero...

Messaggio da cesarean »

nel mio intervento, frettoloso, non ho fatto altro che ribadire il gia' detto da ursamaior....affrontare  i rischi interferenziali...
Avatar utente
lauraboh
Messaggi: 1
Iscritto il: 09 nov 2010 11:35
Località: Latina

mio approccio al PSC

Messaggio da lauraboh »

Salve a tutti, ripesco questa discussione perchè mi è stata molto utile per capire davvero (almeno credo!) come si redige un PSC.
Mi sto affacciando in questo campo ed ho il mio primo incarico di CSP. Ovviamente il mio corso di sicurezza, basato sulla 494 e organizzato dall'università, è consistito, nella fase applicativa, in un - ahimè - banale IMPARATE AD USARE QUESTO SOFTWARE.

Dopo aver letto qua e là qualche discussione sui forum, ho pensato fosse il caso di rimboccarsi le maniche:
ho preso un modello di psc che ho trovato (lo confesso)
ho comprato qualche libro di testo
ho parlato con un mio collega che ora fa questo mestiere
ho cercato di ragionare
ho compilato il psc.

Credo di aver fatto quantomeno un lavoro onesto e, soprattutto, non grava su di me la vergogna del "drag&drop"!

Ora, però, vorrei delle conferme da voi, che avete rischiarato la mia mente con la vostra esperienza e disponibilità:

dopo la prima parte di descrizione del contesto e dell'organizzazione del cantiere
ho analizzato i rischi interconnessi cantiere/esterno
ho analizzato le lavorazioni distinguendo i rischi propri della lavorazione (che verranno integrati dal POS) da quelli derivanti dal particolare contesto (che poi credo sia il mio compito effettivo)
ho proposto per le problematiche di cui sopra delle procedure per evitare interferenze con il contesto e delle misure protettive.

Ora:
prima domanda: non credo di dover inserire le schede relative ai macchinari, vero? Perchè sarà l'impresa a dire con quale macchina/attrezzatura effettuare quella lavorazione, giusto?

seconda domanda: come affronto la questione rischio chimico? riguardo a questo devo ancora informarmi, ma se avete qualche dritta la accetterei ben volentieri.

terza domanda: vi sembra corretto il mio "lavoro"? (per quanto ne abbia parlato molto astrattamente..)

Grazie a chiunque risponderà e a quanti lo hanno già fatto...
Avatar utente
light01
Messaggi: 65
Iscritto il: 16 ott 2009 15:56

Messaggio da light01 »

Ciao.

Direi di si, in sostanza io nel P.S.C. per quanto riguarda i rischi analizzo i seguenti elementi:

1) Rischi che il cantiere comporta per l'area circostante, ed analizzo nello specifico i rischi riferibili agli elementi dell'All XV.2
2)Rischi che l'areacircostante comporta per il cantiere, sempre in riferimento all'All XV.2
3)Gli elementi organizzativi del cantiere indicati al punto 2.2.2 dell'All XV.

Passo quindi ad analizzare le lavorazioni e le loro interferenze, cioè:
1) analizzo ciascuna fase/sottofase di lavorazione (e qui è una scelta personale decidere a quale dettaglio di "sottfasizzazione" spingersi) considerando i rischi ad essa legati, ma ad esclusione di quelli specifici propri dell'attività dell'impresa, considero cioè gli elementi del punto 2.2.3 dell'All XV ma solo in un contesto di interferenza (ad es: se ho una demolizione con martello pneumatico, analizzo il rischio rumore in relazione alla presenza di altri lavoratori impegnati nelle vicinanze in altre lavorazioni, prescrivendo ad esempio una distanza di sicurezza, mentre la valutazione del rischio per il lavoratore che usa il martello è a carico dell'impresa)

2)suddivido il cantiere in zone omogenee, cioè in cui posso avere interferenza "spaziale" tra le lavorazioni, e quindi studiando il cronoprogramma individuo all'interno di ogni zona le lavorazioni interferenti e per ciascuno "coppia" di lavorazioni propongo delle procedure o delle prescrizioni per eliminare o ridurre al minimo i rischi.

Sono anche io agli inizi, però ho visto che questo è un modo di operare utlizzato anche da gente che lavora da anni e bene, è un metodo di lavoro razionale e ragionevolmente applicabile, senza produrre tonnellate di carta inutile.
Avatar utente
Il_Fiorentino
Messaggi: 63
Iscritto il: 19 apr 2011 09:21
Località: Firenze

Re: mio approccio al PSC

Messaggio da Il_Fiorentino »

lauraboh ha scritto:prima domanda: non credo di dover inserire le schede relative ai macchinari, vero? Perchè sarà l'impresa a dire con quale macchina/attrezzatura effettuare quella lavorazione, giusto?

seconda domanda: come affronto la questione rischio chimico? riguardo a questo devo ancora informarmi, ma se avete qualche dritta la accetterei ben volentieri.

terza domanda: vi sembra corretto il mio "lavoro"? (per quanto ne abbia parlato molto astrattamente..)

Grazie a chiunque risponderà e a quanti lo hanno già fatto...
Adesso non ho modo di leggere i documenti allegati, però ti posso dire che il PSC per definizione, analizza appunto i rischi interferenti che siano quelli fra imprese con mansioni diverse presenti nello stesso momento in cantiere, sia nei confronti del vicino di casa o attività posta nelle vicinanze.  

Per quanto riguarda il rischio chimico, benchè a parer mio la cosa sia ben più tangibile in una industria o laboratorio, piuttosto che nel "classico" cantiere, dovresti fare una sorta di valutazione generale per poi dopo passare (fare cioè una integrazione in caso di necessità) ad un qualcosa di più "definito"........basandosi anche sul contenuto dei POS prodotti dalle varie imprese presenti in cantiere: questo nel caso si dovesse verificare (per sbaglio....    :smt003 ) che nei loro pos fossero elencati i prodotti utilizzati invece della classica frase "non sono presenti sostanze e preparati pericolosi in cantiere".....

Riguardo all'elenco pure e semplice dei macchinari, non è indispensabile metterli in un PSC, io mi soffermerei piuttosto sull'argomento nel caso vi sia rischio di interferenza dovuta all'uso di un mezzo nei confronti di altri.....

Riguardo all'impresa che "dice quale attrezzatura vuole usare"...beh....nella  prassi comune...poi alla fine succede quasi sempre come dici te.....chiaramente se il CSE è concorde..... ma in caso di lavorazioni "particolari" nelle quali l'uso di un mezzo può far la differenza in termini di sicurezza....il CSE può anche scrivere nel psc........escavatore cingolato, profondità di scavo >4 m, capacità benna  2 mc....  In questo caso, la ditta deve usare un apparecchio con tali caratteristiche o superiori



:smt002
Avatar utente
natalio
Messaggi: 2
Iscritto il: 24 feb 2011 19:46
Località: ITALY

Grazie a tutti

Messaggio da natalio »

Questo forum è davvero molto utile.
Rispondi

Torna a “Archivio Cantieri temporanei o mobili D.Lgs. 494/96”