Il forum di SICUREZZAONLINE è stato ideato, realizzato e amministrato per oltre 15 anni da Giuseppe Zago (Mod).
A lui va la nostra gratitudine ed il nostro affettuoso ricordo.
News: Il Forum avrà presto una nuova e moderna veste grafica! ;-)

Mova Risch ed esposizione cutanea

Archivio sui Rischi di carattere Chimico/Biologico/Cancerogeno.
Questo archivio contiene tutte le discussioni relative ai rischi da agenti chimici/biologici/cancerogeni, schede di sicurezza di preparati e sostanze pericolose, ecc... (Riservato agli abbonati)
Avatar utente
mirko
Messaggi: 1026
Iscritto il: 23 nov 2004 20:32
Località: Roma

Messaggio da mirko »

Non giurare nofer!
L'INFORISK del Piemonte non tiene conto delle frasi R per la scurezza te lo assicuro.
E comunque, pur condividendo cio che scrivi, io solitamente faccio così:
- valuto il rischio da esposizione (per la salute);
- valuto il rischio per la sicurezza;

Il risultao, di giudizio della soglia di rischio è poi complessivo e tiene conto del livello "massimo raggiunto".

Mi spiego con un esempio riferito ad una attività di gestione rifiuti di una tipografia industriale (prendono i contenitori di soluzione "esausta" a base di solvente nafta e robbaccia varia e li versano manualmente nel raccoglitore di liquidi tutti R11 - 12 in quantità rilevanti).

Rischio per la salute: MODERATO (senza che sto a spiegare i motivi del perchè)
Rischio per la sicurezza: NON MODERATO (senza che sto a spiegare i motivi del perchè)

Rischio chimico per l'attività: NON MODERATO

OVVIAMENTE PRIMA DI SPAVENTARSI, SE QUALCUNO ARRIVASSE ALLA FINE DELLA RELAZIONE DI VALUTAZIONE NOTEREBBE IN MANIERA MOLTO EVIDENTE CHE NON SERVE SORVEGLIANZA SANITARIA SE CI RIFERIAMO A QUELL'ATTIVITA' (LASCIAMO PERDERE PER UN ATTIMO IL CONTESTO E LE ALTRE ATTIVITITA' CHE L'OPEATORE FA').

Non mi sembra una cosa difficile da capire invece sembra sempre di più che pochissimi abbiano voglia di leggere due paginette di relazione per capire e ovviamente parlo dei controllori.  :smt011
Avatar utente
spatangide
Messaggi: 18
Iscritto il: 18 gen 2006 10:19

Messaggio da spatangide »

Grazie a tutti per le risposte!

Allora possiamo prendere tutti come assunto che il Movarisch deve essere utilizzato non tenendo conto dei DPI, come dice Stilo?

Mi sembra che anche a Nofer fossero venuti dei dubbi, confermi anche tu la versione di Stilo?
Avatar utente
Marzio
Messaggi: 1320
Iscritto il: 14 ott 2004 16:38
Località: Pordenone

Messaggio da Marzio »

Art. 72-quater, comma 1, lett. f), D.Lgs. 626/94

"Nella valutazione dei rischi (...) il DDL (...) prendendo in considerazione:
(...)
f) gli effetti delle misure preventive e protettive adottate o da adottare".

Per me la valutazione deve tener conto dei DPI adottati e degli effetti degli stessi. Se per la mansione del lavoratore è prevista, per esempio, una tuta in sovrappressione perchè deve operare in camera bianca con intermedi chimici devo considerare l'effetto del DPI, eccome.

Ciao

Marzio
"Ogni soluzione genera nuovi problemi" (Corollario 7, Legge di Murphy)
Avatar utente
mirko
Messaggi: 1026
Iscritto il: 23 nov 2004 20:32
Località: Roma

Messaggio da mirko »

Marzio ha perfettamente ragione, cosi dice il D.Lgs 25/02.
E' difficile valutare bene un rischio chimico lo so ma è cosi e non c'è programma che tiene fidatevi, ogniuno ha la sua "pecca" e comunque sono tutti scarsamente affidabili e stupidamente macchinosi. Fidatevi... ogni DVRChimico è cosa a se, l'errore più grande è quello di generalizzare.

Rientro ora dopo un bel sopralluogo da un "tobarolo" (produzione lapidei) e vi assicuro che nessun programma è in grado di avvicinarsi minimamente alla realtà che ho trovato.


Ciaooo
Avatar utente
spatangide
Messaggi: 18
Iscritto il: 18 gen 2006 10:19

Messaggio da spatangide »

Leggete bene, la mia domanda iniziale, era riferita alla sola applicazione del Movarisch.

Concordo che nella valutazione globale bisogni considerare i DPI e concordo con il fatto che ogni algoritmo ha le sue grosse pecche, infatti sono molto restio ad usarli ma dovendolo usare voglio farlo nel modo corretto perciò mi era venuto il dubbio iniziale. Vedo però che il dubbio è insito in molti altri....
Avatar utente
mirko
Messaggi: 1026
Iscritto il: 23 nov 2004 20:32
Località: Roma

Messaggio da mirko »

MA CERTO CHE LI DEVI CONSIDERARE I DPI.  :smt023
Avatar utente
spatangide
Messaggi: 18
Iscritto il: 18 gen 2006 10:19

Messaggio da spatangide »

Vedo che non vi trovate molto daccordo....

"Direi di no: la valutazine del rischio va effettuata senza considerare i DPI. La ratio del modello è appunto questa: valutazione ed eventuale successiva adozione di misure di protezione in relazione al valore del rischio riscontrato. Una certa logica c'é: come farei altrimenti a determinare il grado di protezione dei DPI se non avessi una valutazione 'a nudo'?
Ancora: siamo sicuri che l'adozione di un DPI contro rischi da esposizione a fattori di rischio chimico suscettibili di generare malattie professionali esimerebbe dall'obbligo di effettuare la sorveglianza sanitaria?
Stilo"

"MA CERTO CHE LI DEVI CONSIDERARE I DPI.  
Mirko"

I miei dubbi rimangono..... :smt017
Avatar utente
Marzio
Messaggi: 1320
Iscritto il: 14 ott 2004 16:38
Località: Pordenone

Messaggio da Marzio »

spatangide ha scritto:Vedo che non vi trovate molto daccordo....
Qual'è il problema spatangide? Hai sentito nel tread varie posizioni, tutte giustificate e legittime. Ora a te trarre le somme.

Ciao

Marzio
"Ogni soluzione genera nuovi problemi" (Corollario 7, Legge di Murphy)
Rispondi

Torna a “Archivio Rischi Chimici/Biologici/Cancerogeni”