Il forum di SICUREZZAONLINE è stato ideato, realizzato e amministrato per oltre 15 anni da Giuseppe Zago (Mod).
A lui va la nostra gratitudine ed il nostro affettuoso ricordo.

Incertezza del rumore sul livello di esposizione settimanale

Rumore, Vibrazioni, CEM, ROA, Radiazioni ionizzanti, ecc...
Rispondi
Avatar utente
miril
Messaggi: 76
Iscritto il: 09 apr 2008 21:34
Località: Torino

Buongiorno a tutti,

sto impazzendo per gestire il calcolo dell'incertezza sul livello di esposizione settimanale.

La UNI 9432:2011 al punto 5.9 Incertezza prevede:
I metodi di calcolo dell’incertezza da attribuire ai livelli sonori continui equivalenti, al livello di esposizione giornaliera o settimanale e al livello sonoro di picco sono riportati nei punti 13, 14 e nell’appendice C della UNI EN ISO 9612:2011.

Poi, però, all'appendice C della 9612, trovo solo l'incertezza sul livello giornaliero.

Potrei pensare di usare l'appendice B della UNI 9432:2011 relativa al log term, ma mi mette in difficoltà il fatto che l'incertezza strumentale è a monte delle incertezze delle diverse giornate e questo mi mette in difficoltà perchè potrei usare strumenti diversi (fonometro o dosimetro) per compiti diversi e quindi non so quale incertezza strumentale inserire nella formula.

Tradotto: dove trovo la formula per l'incertezza sul valore settimanale?

Grazie a chi mi potrà aiutare
Miril The Imp
"Another job, well done" (cit. Bender)
Avatar utente
ursamaior
Messaggi: 4926
Iscritto il: 16 dic 2004 14:01
Località: L'isola che non c'è

Secondo me non puoi usare la relazione per il long term. L'equazione B.1 della UNI 9432 ti dà la «componente legata alla variabilità del rumore nel lungo termine» che è, concettualmente, l'incertezza che il valore Lex,8h che hai stimato per quella giornata "tipo", non sia per l'appunto quello, ma cambi giorno per giorno con fluttuazioni intorno al valore reale.
Ma l'attività svolta è sempre quella. Almeno io l'ho intesa così.

Tu invece devi combinare quello che succede in 5 giornate in cui il lavoratore fa oggettivamente cose diverse.
L'equazione B.1 la potresti usare per stimare come fluttua il valore settimanale da una settimana all'altra, ma il tuo problema è calcolare l'incertezza settimanale.

Se mi interrogo su da cosa dipenda l'incertezza sul valore settimanale, mi viene in mente che essa dipenda solo dalle incertezze sui Lex,8h.
Non c'è incertezza sulla durata di una settimana.
La componente strumentale e di posizionamento sono già dentro il valore che ha stimato.

Di conseguenza l'incertezza composta settimanale dovrebbe essere semplicemente la radice quadrata della somma dei quadrati delle incertezze sulle stime dei Lex,8h delle singole giornate.
Calcolata questa, puoi calcolare l'incertezza estesa moltiplicando per 1,65
Lo Stato è come la religione: vale se la gente ci crede (Errico Malatesta)
Avatar utente
miril
Messaggi: 76
Iscritto il: 09 apr 2008 21:34
Località: Torino

Grazie mille Ursamaior, ci lavoro.
Miril The Imp
"Another job, well done" (cit. Bender)
Avatar utente
miril
Messaggi: 76
Iscritto il: 09 apr 2008 21:34
Località: Torino

Mi è venuto un flash rileggendo nella UNI 9432:2011 questa frase: "Come per i livelli di esposizione giornaliera e settimanale, a questa grandezza deve poi essere aggiunta la componente legata alla strumentazione.".
Nella UNI EN ISO 9612:2011, però, non c'è l'incertezza settimanale e in quella giornaliera l'incertezza strumentale è "annegata" nell'incertezza della singola misura poi riportata sul giornaliero.

Allora mi sono ripreso la UNI 9432:2008 ed effettivamente riporta per il giornaliero e il settimanale la formula che poi viene usate per il lungo termine... Quindi si tratta di un refuso bello e buono.
Quindi la domanda ora è: avete consigli su formule da usare per l'incertezza settimanale? Io, nella mia ignoranza, non so da dove partire.
Miril The Imp
"Another job, well done" (cit. Bender)
Avatar utente
Giosmile
Messaggi: 1534
Iscritto il: 29 apr 2008 14:17
Località: Napoli

Trovo assolutamente ragionevole quanto detto da Ursa, secondo me facendo la media quadratica risolvi il problema.

Ah, odio la valutazione settimanale che trovo applicabile davvero in casi rari, specie oggi come oggi. Preferisco, a maggior tutela, trovarmi il worst case ricorrente.
"detto così è semplice e infatti lo è detto così" B.P.
Rispondi

Torna a “Agenti fisici”