Il forum di SICUREZZAONLINE è stato ideato, realizzato e amministrato per oltre 15 anni da Giuseppe Zago (Mod).
A lui va la nostra gratitudine ed il nostro affettuoso ricordo.
News: Il Forum avrà presto una nuova e moderna veste grafica! ;-)

GP come obbligo in azienda

Titoli IX e X, visite mediche, malattie professionali, ecc...
Rispondi
Avatar utente
Delale
Messaggi: 89
Iscritto il: 15 lug 2014 17:07
Località: Altamura

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da Delale »

birdofprey ha scritto: 10 nov 2021 17:28
Delale ha scritto: 10 nov 2021 14:27perché la situazione ad oggi è nettamente migliore rispetto ad un anno fa?

Dato di oggi. Quasi 8000 casi e 60 morti. Grande così :smt038


Deceduti al 09/11/2021: 132.491 - Deceduti al 08/11/2021: 132.423= 132.491-132.423=68

Deceduti al 09/11/2020: 41.750 - Deceduti al 08/11/2020: 41.394= 41.750-41.394=356

Non credo che ci sia bisogno di commentare, il confronto è chiaro. Resta la mia domanda: perché la situazione ad oggi è nettamente migliore rispetto ad un anno fa?

Quanto cito di seguito

birdofprey ha scritto: 10 nov 2021 17:28
Delale ha scritto: 10 nov 2021 14:27perché la situazione ad oggi è nettamente migliore rispetto ad un anno fa?

Semplicemente, rispetto all'anno scorso, siamo in ritardo di qualche settimana. Tutto qui.

Alla situazione rispetto di un anno fa ci arriveremo presto. Non potrebbe essere altrimenti. Basta guardare il resto dell'Europa.
non risponde alla mia domanda (a dire il vero trovo che abbia la stessa valenza della cantina dei vini di Weareblind, che questi non me ne voglia).

La mia domanda resta ancora senza risposta....ho provato a pensare alla stagionalità, ma se così fosse non si spiegherebbe l'enorme divario tra lo scorso anno e questo, anche in considerazione che veniamo da estati "invertite" in termini numerici, se ci aggiungo che lo scorso anno avevamo anche tante più restrizioni nello stesso periodo (si pensi ai vari coprifuoco che limitavano fortemente la socialità che c'è invece oggi in bar, ristoranti, pizzerie) proprio non riesco a capire cosa possa aver determinato questa situazione...cosa ci sia di diverso dallo scorso anno e da questo...
Avatar utente
ursamaior
Messaggi: 4821
Iscritto il: 16 dic 2004 14:01
Località: L'isola che non c'è

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da ursamaior »

Adesso che guardo questa discussione dall'esterno, con un altro che ha preso il mio posto, dò ancora più ragione a weare: «Comunque sbagli tu a rispondere».
birdofprey ha scritto:Anche io ti ripeto la domanda (a cui non hai risposto). Tu credi davvero che, al punto in cui ci siamo spinti, con orgoglio, sicurezza e spregiudicatezza, nel caso dovesse emergere qualcosa di diverso rispetto a quanto preventivato (cosa assolutamente normale quando ci si approccia ad un fenomeno nuovo), ci siano margini per correggere il tiro ? Se si fosse mantenuto un approccio più cautelativo e "scientifico", se si fosse raccontato al popolo come le stanno le cose in modo più onesto, se si fossero elencati benefici e rischi in modo meno "pubblicitario", probabilmente si.
È un altro esempio paradigmatico di come sono fatti i terrapiattisti, di come (s)ragionano i terrapiattisti.
Io ho già affermato che no, i vaccini non posso essere considerati l'unica arma di contrasto.
Io ho fornito un link di un testo che ho scritto a marzo 2021 (in tempi abbondantemente non sospetti) nei quali dicevo: «Belli i vaccini. Utili i vaccini. Ma non scordiamo i fondamentali: mascherine e distanziamento».
Lui che ha letto di tutto questo? Una mazza.
E, se ha letto, non ha capito una mazza.
Risultato? una mazza

Oltretutto non si capisce nemmeno di cosa stia parlando.
Nonostante i vaccini, si stanno mantenendo restrizioni limitate ma importanti: green pass un po' ovunque, mascherine, distanziamento. Non è vero che in Italia si punti tutto sul vaccino (almeno al momento).
Forse vive in UK e non se n'è accorto...
Lo Stato è come la religione: vale se la gente ci crede (Errico Malatesta)
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 2755
Iscritto il: 07 ott 2004 20:36

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da weareblind »

Delale ha scritto: 10 nov 2021 17:48

Quanto cito di seguito non risponde alla mia domanda (a dire il vero trovo che abbia la stessa valenza della cantina dei vini di Weareblind, che questi non me ne voglia).
Te ne voglio sì, la mia qualità della vita è migliorata.
We are blind to the worlds within us waiting to be born
Avatar utente
Delale
Messaggi: 89
Iscritto il: 15 lug 2014 17:07
Località: Altamura

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da Delale »

ursamaior ha scritto: 10 nov 2021 20:34 Adesso che guardo questa discussione dall'esterno, con un altro che ha preso il mio posto, dò ancora più ragione a weare: «Comunque sbagli tu a rispondere».
birdofprey ha scritto:Anche io ti ripeto la domanda (a cui non hai risposto). Tu credi davvero che, al punto in cui ci siamo spinti, con orgoglio, sicurezza e spregiudicatezza, nel caso dovesse emergere qualcosa di diverso rispetto a quanto preventivato (cosa assolutamente normale quando ci si approccia ad un fenomeno nuovo), ci siano margini per correggere il tiro ? Se si fosse mantenuto un approccio più cautelativo e "scientifico", se si fosse raccontato al popolo come le stanno le cose in modo più onesto, se si fossero elencati benefici e rischi in modo meno "pubblicitario", probabilmente si.
È un altro esempio paradigmatico di come sono fatti i terrapiattisti, di come (s)ragionano i terrapiattisti.
Io ho già affermato che no, i vaccini non posso essere considerati l'unica arma di contrasto.
Io ho fornito un link di un testo che ho scritto a marzo 2021 (in tempi abbondantemente non sospetti) nei quali dicevo: «Belli i vaccini. Utili i vaccini. Ma non scordiamo i fondamentali: mascherine e distanziamento».
Lui che ha letto di tutto questo? Una mazza.
E, se ha letto, non ha capito una mazza.
Risultato? una mazza

Oltretutto non si capisce nemmeno di cosa stia parlando.
Nonostante i vaccini, si stanno mantenendo restrizioni limitate ma importanti: green pass un po' ovunque, mascherine, distanziamento. Non è vero che in Italia si punti tutto sul vaccino (almeno al momento).
Forse vive in UK e non se n'è accorto...
No no, il posto nella discussione (se tale si può definire) è tutto tuo :smt003 io ragionavamo a voce alta, nulla più
Avatar utente
Delale
Messaggi: 89
Iscritto il: 15 lug 2014 17:07
Località: Altamura

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da Delale »

weareblind ha scritto: 10 nov 2021 21:48
Delale ha scritto: 10 nov 2021 17:48

Quanto cito di seguito non risponde alla mia domanda (a dire il vero trovo che abbia la stessa valenza della cantina dei vini di Weareblind, che questi non me ne voglia).
Te ne voglio sì, la mia qualità della vita è migliorata.
Su questo non ho dubbi, anzi a breve lo farò anche io
Avatar utente
birdofprey
Messaggi: 550
Iscritto il: 27 apr 2011 11:18

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da birdofprey »

Delale ha scritto: 10 nov 2021 17:48perché la situazione ad oggi è nettamente migliore rispetto ad un anno fa?
Secondo me ha poco senso confrontare "giorno preciso del 2020" con "giorno preciso del 2021". I modelli di diffusione pandemica non funzionano come i fenomeni astronomici. Confronti di questo genere dovrebbero almeno includere una stagionalità intera.

ursamaior ha scritto: 10 nov 2021 20:34Nonostante i vaccini, si stanno mantenendo restrizioni limitate ma importanti: green pass un po' ovunque, mascherine, distanziamento. Non è vero che in Italia si punti tutto sul vaccino (almeno al momento).
Sulla carta. Nel mondo reale (inclusi i luoghi di lavoro) cautele e comportamenti prudenti sono caduti perché "tanto qui siamo tutti vaccinati" (cit.).

Lo ribadisco. Io non sono contrario alle attuali "profilassi", però critico fortemente la comunicazione che le ha accompagnate e tutta una serie di scelte operative, a mio avviso dettate esclusivamente da ragioni politiche e non sanitarie.
Avatar utente
Delale
Messaggi: 89
Iscritto il: 15 lug 2014 17:07
Località: Altamura

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da Delale »

birdofprey ha scritto: 11 nov 2021 06:59
Delale ha scritto: 10 nov 2021 17:48perché la situazione ad oggi è nettamente migliore rispetto ad un anno fa?
Secondo me ha poco senso confrontare "giorno preciso del 2020" con "giorno preciso del 2021". I modelli di diffusione pandemica non funzionano come i fenomeni astronomici. Confronti di questo genere dovrebbero almeno includere una stagionalità intera.


Infatti ha molto più senso una affermazione "spuria" ("equazionisticamente" parlando) del tipo "Dato di oggi. Quasi 8000 casi e 60 morti. Grande così :smt038 " :smt003

La questione non è confrontare giorno preciso del 2020 con giorno preciso del 2021, ma far vedere che ad oggi rispetto ad un anno fa la situazione è migliore, è un dato oggettivo, numerico, non una opinione. Ne consegue quindi la domanda che ho posto e non ha avuto risposta, ovvero "perché?", anche ragionando sul essere in ritardo di qualche settimana, a prescindere dalla correttezza o meno di tale affermazione, la domanda resta importante, "perché? ", visto che anche il solo tardare il picco di una ondata contribuisce in maniera prepotente a salvare vite e migliorare la situazione.

La questione non è confrontare giorno preciso del 2020 con giorno preciso del 2021, è stato confrontato un secondo giorno, se ne potrebbe confrontare un terzo, un quarto ecc...ma di tendenze e andamenti ne son stati dati in diverse salse, anche Ursamaior se non erro ne ha postati in questa discussione, ma volutamente vengono ignorati (in buona sostanza si gira e rigira la frittata a proprio piacimento).

Davanti a numeri si è risposto "guarda gli altri paesi europei", "guarda agosto" ecc....

Notizia proprio di oggi, Germania con percentuale di vaccinati di prima dose e ciclo completo inferiore a noi (mi pare di 10 punti percentuali, non "pizza e fichi") se la sta vedendo brutta tanto da pensare di precludere l'accesso a ristoranti e spettacoli ai non vaccinati (mi ricorda il green pass, o no?), quindi gli altri paesi europei li guardiamo.

Guardiamo anche agosto e ripeto che ad agosto 2020 stavamo, numericamente, molto meglio di agosto 2021, partendo da questo dato e considerando che settembre, ottobre e novembre 2021 non abbiamo avuto restrizioni come nel 2020, abbiamo adottato molto meno la didattica a distanza nelle scuole rispetto al 2020...insomma considerando solo la stagionalità, come dicevi in qualche commento precedente, ad oggi ci saremmo dovuti ritrovare per lo meno come nel 2020, su per giù, ma così non è, i numeri di decessi e ricoverati in terapia intensiva sono notevolmente inferiori. Qualcosa deve essere successo, ecco perché mi domando "perché stiamo messi meglio dello scorso anno?" cosa c'è di diverso rispetto allo scorso anno? Ovviamente son domande retoriche di cui conosciamo la risposta.

Sapendo quale è la risposta c'è poco da aggiungere e dire che "a causa dei vaccini la gente ha abbassato la guardia" è come dire "a causa della cintura di sicurezza e del casco la gente va in macchina o in moto più velocemente", si "accusa" e da responsabilità ad uno strumento invece di attribuire la responsabilità alla stupidità della gente che continua a dimostrare di non aver capito molto di quello che sta succedendo, ma è altro discorso rispetto all'efficacia o meno dello strumento.

Adesso, dopo aver fatto un uso spropositato di virgolettato, torno a pensare ad alta voce e rifarmi la domanda "perché ad oggi stiamo messi meglio dello scorso anno?"
Avatar utente
birdofprey
Messaggi: 550
Iscritto il: 27 apr 2011 11:18

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da birdofprey »

Delale ha scritto: 11 nov 2021 09:50torno a pensare ad alta voce e rifarmi la domanda "perché ad oggi stiamo messi meglio dello scorso anno?"

Siamo il paese al mondo che, più tra tutti, ha puntato sulla "profilassi preventiva mRNA". E' chiaro che i numeri attuali sono calmierati ANCHE dal fatto che quasi il 90% degli individui (in un modo o in un altro) è già entrato a contatto con la famigerata spike.

Ma, da sola, è una strategia lungimirante e risolutiva ? Secondo me no.

Io, oggi, guardando l'Italia e il mondo sono convinto più che mai che questa non può essere la soluzione al problema.
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 2755
Iscritto il: 07 ott 2004 20:36

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da weareblind »

Di grazia, ma chi la propone come unica soluzione?
We are blind to the worlds within us waiting to be born
Avatar utente
Hieronymus
Messaggi: 66
Iscritto il: 12 nov 2008 12:10

Re: GP come obbligo in azienda

Messaggio da Hieronymus »

Quasi spiace infilarmi a questo punto della discussione... mi scuso ma mi sembra ridondante aprire un nuovo post.

Il mio quesito è: un'attività può introdurre l'obbligo di verifica possesso di green pass all'accesso del suo sito per i "non lavoratori"? Ovvero, oggi, un negozio può adottare un protocollo che preveda la verifica del GP anche per i clienti?
Il controllo è ammesso solo per per le attività (piscine, ristoranti, cinema..) previste da legge o è adottabile "volontariamente"?
Nel caso specifico trattasi di casa del commiato, quindi gli scrupoli del titolare in un locale chiuso, via vai di gente, abbraccio pacca sulla spalla... mi sembrano più che leciti.
Brutto da dirsi, ma si potrebbe ritenere assimilabile alle "feste a seguito di cerimonie civili o religiose" ?
:smt039
Rispondi

Torna a “Igiene industriale e Medicina del Lavoro”