Il forum di SICUREZZAONLINE è stato ideato, realizzato e amministrato per oltre 15 anni da Giuseppe Zago (Mod).
A lui va la nostra gratitudine ed il nostro affettuoso ricordo.
News: Il Forum avrà presto una nuova e moderna veste grafica! ;-)

Lavoratore che opera fuori Italia in azienda terza

Disposizioni generali, ruoli prevenzionali, documenti, sanzioni, stress LC ecc...
Rispondi
Avatar utente
Bassaumbria
Messaggi: 295
Iscritto il: 29 apr 2005 12:40
Località: UMBRIA

Lavoratore che opera fuori Italia in azienda terza

Messaggio da Bassaumbria »

Buona sera, questione mai capitata, azienda italiana che gestisce la parte commerciale e tecnica di produzione oggettistica.
Gli uffici sono in Italia.
La produzione è effettuata in romania ma da una azienda terza, dello stesso gruppo.
Ora l'azienda italiana deve assumere un lavoratore addetto al controllo della qualità che svolgerà la sua attività (forse in distacco) nell'azienda in Romania.
Obblighi ?
Formazione visita sicuramente in base alla norma italiana, integrazione DVR richiesta di informazioni DUVRI ?
Altro ?
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 2990
Iscritto il: 07 ott 2004 20:36

Re: Lavoratore che opera fuori Italia in azienda terza

Messaggio da weareblind »

La direttiva europea è recepita anche lì. Chiedi al referente in loco le loro richieste e verifica che la prestazione italiana sia equivalente alla loro.
We are blind to the worlds within us waiting to be born
Avatar utente
Stilo
Messaggi: 833
Iscritto il: 07 ott 2004 12:06
Località: Motor Valley

Re: Lavoratore che opera fuori Italia in azienda terza

Messaggio da Stilo »

Fai interpellare il consulente del lavoro perchè ci sono dei moduli da predisporre
Poi fai una sorta di art. 26 con informazioni circa i rischi presenti e un addendum al DVR
(io farei così)
S;
Ut sementem feceris, ita metes.
Rispondi

Torna a “Ambito generale”