Il forum di SICUREZZAONLINE è stato ideato, realizzato e amministrato per oltre 15 anni da Giuseppe Zago (Mod).
A lui va la nostra gratitudine ed il nostro affettuoso ricordo.
News: Il Forum avrà presto una nuova e moderna veste grafica! ;-)

Procedure di addestramento

Artt. 36, 37, 73, 77, Accordi Stato Regioni, ecc...
Rispondi
Avatar utente
birdofprey
Messaggi: 513
Iscritto il: 27 apr 2011 11:18

Procedure di addestramento

Messaggio da birdofprey »

“L’addestramento consiste nella prova pratica, per l’uso corretto e in sicurezza di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale; l’addestramento consiste, inoltre, nell’esercitazione applicata, per le procedure di lavoro in sicurezza. Gli interventi di addestramento effettuati devono essere tracciati in apposito registro anche informatizzato”

Alla luce di questa nuova chicca "omnicomprensiva", operativamente come pensate si possa procedere ?

Anzitutto in tale intervento devono rientrare tutti i dipendenti o solo i giovani ed i nuovi assunti ? Rientrano in tale obbligo anche i dipendenti in forza da tipo 10 anni e quindi con esperienza ? Se, si. Chi può fare l'addestratore ? Infine, in una attività complessa con mansioni estremamente variegate e differenti, come si può strutturare un simile percorso che includa "tutto" ?
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 2723
Iscritto il: 07 ott 2004 20:36

Re: Procedure di addestramento

Messaggio da weareblind »

Tutto come prima.
We are blind to the worlds within us waiting to be born
Avatar utente
birdofprey
Messaggi: 513
Iscritto il: 27 apr 2011 11:18

Re: Procedure di addestramento

Messaggio da birdofprey »

weareblind ha scritto: 14 gen 2022 20:33 Tutto come prima.
beh no...

Sinora credo che una formazione standard ai sensi articolo 37 + una "corposa" informazione/formazione ai sensi articolo 36 + una eventuale formazione extra solo per le sole attrezzature complesse abbia offerto una copertura ragionevole. Eventualmente un "affiancamento" del dipendente giovane ed appena arrivato ad un dipendente esperto. Operando così, non ho mai avuto "problemi".

In questo upgrade della norma il legislatore ha calcato la mano... mi parla esplicitamente di esercitazioni e di prove pratiche... e mi dice che ciò è esteso a "tutto il mondo" di casi e configurazioni possibili in azienda... per come è scritta la norma deve esistere l'esercitazione e la prova pratica anche per piantare un chiodo col martello, per indossare la scarpa di sicurezza o per accendere il condizionatore...
Avatar utente
Delale
Messaggi: 73
Iscritto il: 15 lug 2014 17:07
Località: Altamura

Re: Procedure di addestramento

Messaggio da Delale »

Concordo con Weareblind, la nuova norma ha esplicitato ció che già prima richiedeva, dandogli una certa formalità. Tali obblighi li si aveva anche prima, non ci era chiesto di darne evidenza in questa forma (registrare gli atti di addestramento), ecc...ma nella sostanza non ci dice molto di più, non dando indicazioni su contenuti, tempistiche ecc...(anche perché la vedo dura).

Magari è l'occasione per mettere un po' di ordine e cercare di integrare meglio la formazione nel processo produttivo anziché considerarla come qualcosa a se (anche se, ovviamente, nulla vieta ai soliti di trasformarlo in un mero adempimento formal-cartaceo con modulistica precompilata).
Avatar utente
birdofprey
Messaggi: 513
Iscritto il: 27 apr 2011 11:18

Re: Procedure di addestramento

Messaggio da birdofprey »

Delale ha scritto: 15 gen 2022 08:50 la nuova norma ha esplicitato ció che già prima richiedeva, dandogli una certa formalità. Tali obblighi li si aveva anche prima, non ci era chiesto di darne evidenza in questa forma (registrare gli atti di addestramento), ecc...ma nella sostanza non ci dice molto di più, non dando indicazioni su contenuti, tempistiche ecc...(anche perché la vedo dura).
Appunto.

Da un lato il legislatore ha scelto di generare un "nuovo mondo" partendo da un qualcosa che, sinora, probabilmente non a caso, era rimasto lì un pò tra le righe... dall'altro, probabilmente non a caso, ha scelto di non addentrarsi in alcuna delucidazione di carattere operativo...

Purtroppo a me sembra il classico comma che fino a che "tutto va bene" nessuno tira fuori... ma che, in caso di eventi seri, diventa l'ennesima arma con cui poter ascrivere circostanze aggravanti...

E la mia domanda permane. Che possiamo inventarci (dentro una realtà complessa) per gestire questo adempimento in questa nuova forma ?
Avatar utente
Delale
Messaggi: 73
Iscritto il: 15 lug 2014 17:07
Località: Altamura

Re: Procedure di addestramento

Messaggio da Delale »

Cosa possiamo inventarci dipende dalla realtà e cosa si intende per complessa. Personalmente parlando si farà come si è fatto fino ad ora per le realtà che seguo.

In sintesi:
un lavoratore va associato alla relativa mansione, di base, e se il mansionario è predisposto correttamente non dovrebbe essere difficile fare il quadro delle attrezzature normalmente utilizzate dallo stesso. È questo a mio parere il punto di partenza.

Ci sono poi attrezzature particolari non riconducibili genericamente ad una mansione? Si vede chi è affetto al loro utilizzo.

Per i nuovi è semplice: addestramento che verrà verbalizzato/registrato associandolo al percorso della singola figura.

Per i vecchi: analisi della situazione attuale (conoscenza dell'attrezzatura, valutazione delle modalità di utilizzo) e scelta di integrazione o formalizzazione dell'addestramento in funzione di quanto si ritiene necessario.
Rispondi

Torna a “Formazione, Informazione e Addestramento”