Il forum di SICUREZZAONLINE è stato ideato, realizzato e amministrato per oltre 15 anni da Giuseppe Zago (Mod).
A lui va la nostra gratitudine ed il nostro affettuoso ricordo.
News: Il Forum avrà presto una nuova e moderna veste grafica! ;-)

Modulo Pratico Attrezzature

Artt. 36, 37, 73, 77, Accordi Stato Regioni, ecc...
Rispondi
Avatar utente
Umaga
Messaggi: 67
Iscritto il: 27 nov 2012 09:57

Modulo Pratico Attrezzature

Messaggio da Umaga »

Buongiorno a tutti,
espongo un dubbio in merito al modulo pratico per le varie attrezzature inserite all’interno dell’Accordo Stato Regioni (ASR) del 22/02/2012 (allegati da 3 a 10).
Per chiarezza prendo come esempio un carrello elevatore, ovvero allegato 6.
Nel punto 3.1 dell’allegato 6 è riportato:
3.1 Modulo pratico: carrelli industriali semoventi (4 ore)
3.1.1 Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle sicurezze.
3.1.2 Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di uso del carrello.
3.1.3 Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico (corretta posizione sul carrello, presa del carico, trasporto nelle varie situazioni, sosta del carrello, ecc.).
Gli stessi elementi sono riportati nei punti 3.2, 3.3 e 3.4 relative ad altre tipologie di carrelli (telescopici, telescopici rotativi e tutte le tipologie).
Al punto 4.2 dell’allegato 6 inerente la valutazione si riporta:
4.2 Al termine di ognuno dei moduli pratici (al di fuori dei tempi previsti per i moduli pratici) avrà luogo una prova pratica di verifica finale, consistente nell'esecuzione di almeno 2 delle prove di cui ai punti: 3.1.2 e 3.1.3 per carrelli industriali semoventi, 3.2.2 e 3.2.3 per i carrelli semoventi a braccio telescopico e 3.3.2 e 3.3.3 per i carrelli elevatori telescopici rotativi, 3.4.2 e 3.4.3 per i carrelli di cui al punto 3.4..
Nel successivo punto 4.3 è riportato:
4.3 Tutte le prove pratiche per ciascuno dei moduli 3.1, 3.2, 3.3 e 3.4 devono essere superate.
Ora nell’esempio del carrello semovente industriale, stando a quanto riportato al punto 4.3, risulterebbe che il superamento della prova pratica consista nel verificare il superamento tutti i punti riportati al 3.1 (ovvero 3.1.1, 3.1.2, 3.1.3.)
Leggendo invece il punto 4.2 questo sembrerebbe in contrasto con il punto 4.3, poiché si parla dell’esecuzione di “almeno 2 delle prove di cui ai punti: 3.1.2 e 3.1.3”.
Che poi il modulo 3.1.2 parla di “manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche”, quali sarebbero le 2 prove?

Insomma, la parte di valutazione del modulo pratico non è affatto chiara (almeno dal mio punto di vista)

Grazie per il supporto!
Avatar utente
Ser Pilade
Messaggi: 6
Iscritto il: 22 feb 2022 10:06

Re: Modulo Pratico Attrezzature

Messaggio da Ser Pilade »

Buongiorno,
sono un neo iscritto del forum e faccio i complimenti a tutti perchè è davvero molto utile ed interessante (e spero di poter dare anche io il mio modesto contributo).
Mi sono imbattuto in questa osservazione di Umaga e sottoscrivo quanto da lui riportato in quanto mi sono imbattuto anche io nel medesimo dubbio.
Sarei curioso di avere il parere di qualche esperto esponente perchè in effetti così come si legge dall'ASR non risulta esserci chiarezza.
Grazie e buon lavoro!

Ser Pilade
Avatar utente
ursamaior
Messaggi: 4833
Iscritto il: 16 dic 2004 14:01
Località: L'isola che non c'è

Re: Modulo Pratico Attrezzature

Messaggio da ursamaior »

Ritengo che il punto 4.3 sia semplicemente stato scritto in forma sintetica.
È abbastanza logico ritenere che si intenda che debbano essere superate le prove pratiche dei moduli 3.1, 3.2, 3.3 ove applicabili e richieste.
Lo Stato è come la religione: vale se la gente ci crede (Errico Malatesta)
Avatar utente
Giosmile
Messaggi: 1502
Iscritto il: 29 apr 2008 14:17
Località: Napoli

Re: Modulo Pratico Attrezzature

Messaggio da Giosmile »

Secondo me va letta così, come minimi si intende

Prendiamo il caso dei carrelli semoventi:

"4.3 Tutte le prove pratiche per ciascuno dei moduli 3.1, 3.2, 3.3 e 3.4 devono essere superate."

Quindi vanno eseguite prove per poter attestare che quanto previsto da tutto il 3.1, quindi 3.1.1, 3.1.2 e 3.1.3, sia assimilato bene e quindi con esito positivo durante la pratica. Pertanto vanno affrontati tutti gli argomenti, ove presenti/applicabili, con esito positivo del partecipante nelle prove

3.1.1 Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle sicurezze.
3.1.2 Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle
istruzioni di uso del carrello.
3.1.3 Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico
(corretta posizione sul carrello, presa del carico, trasporto nelle varie situazioni, sosta del carrello,
ecc.).

"4.2 Al termine di ognuno dei moduli pratici (al di fuori dei tempi previsti per i moduli pratici) avrà luogo una prova pratica di verifica finale, consistente nell'esecuzione di almeno 2 delle prove di cui ai punti: 3.1.2 e 3.1.3 per carrelli industriali semoventi" (tralascio gli altri modelli)

Secondo me significa che nell'effettuare la prova finale, al di fuori dei tempi previsti per i moduli pratici, a riguardo dei temi trattati in 3.1.2 e 3.1.3 devi far eseguire almeno 2 prove tra quelle previste tra gli argomenti dei medesimi. Per esempio, per 3.1.2 una prova di verifica giornaliera + una prova riguardante le verifiche previste periodicamente dal manuale e per 3.1.3 almeno 2 prove nei vari casi previsti. Sul 3.1.1. non dà alcuna scontistica, quindi devi considerare tutto quanto necessario in base al tipo di carrello.

Ritengo che comunque quel "almeno" sia da prendersi con le pinze: per esempio io sul 3.1.3 faccio fare sempre tutto ciò che è concretamente applicabile per il carrello e lo scenario d'uso
"detto così è semplice e infatti lo è detto così" B.P.
Avatar utente
Umaga
Messaggi: 67
Iscritto il: 27 nov 2012 09:57

Re: Modulo Pratico Attrezzature

Messaggio da Umaga »

Grazie per i vostri pareri Ursamaior & Giosmile!
Rispondi

Torna a “Formazione, Informazione e Addestramento”