Il forum di SICUREZZAONLINE è stato ideato, realizzato e amministrato per oltre 15 anni da Giuseppe Zago (Mod).
A lui va la nostra gratitudine ed il nostro affettuoso ricordo.

statistica indicenti aerei

Rispondi
Avatar utente
manfro
Messaggi: 2100
Iscritto il: 15 ott 2004 20:19
Località: Ascoli Piceno

Ho una domanda per voi:
Diverse fonti che ho letto (siti privati che non posso pubblicizzare), citano uno studio del prof. David Ropeik della Harvard University che nel 2006 calcolò che si ha 1 probabilità su 11.000.000 di morire in un incidente aereo.
Non sono riuscito a trovare questo studio, ma tendo a fidarmi essendo citato anche da blog e siti specializzati.
La mia domanda è forse banale:
Ma questa è una probabilità stocastica (non so bene se sensato usare questo termine che ricordo dalle lezioni di fisica di 35 anni fa :smt003)?
Cioè, ho la stessa probabilità di morire ogni volta che prendo aereo o la probabilità si somma in qualche modo?
Ad esempio, se prendo l'aereo per la 10^ volta, la probabilità di morire in un incidente è sempre 1:11mln o diventa 1:1,1 mln?

:smt003 manfro
"lasciate il mondo un po' migliore di come l'avete trovato." BP
Panda
Messaggi: 88
Iscritto il: 12 set 2009 18:42

Ciao Manfro,
incuriosita dalla domanda ho fatto qualche ricerca ed ho trovato un paio di siti interessanti:
- http://www.dropeik.com/dropeik/index.html con una raccolta di tutti gli studi del prof. Ropeik
- https://www.pbs.org/wgbh/nova/article/h ... is-flying/ con l'articolo sulla percezione del rischio legato al volo in aereo.
Più che sui numeri la riflessione è sulla difficoltà di valutare un rischio...tema familiare a molti in questo forum. :smt002
Avatar utente
manfro
Messaggi: 2100
Iscritto il: 15 ott 2004 20:19
Località: Ascoli Piceno

grazie mille
vado subito a leggere.
:smt007 manfro
"lasciate il mondo un po' migliore di come l'avete trovato." BP
Avatar utente
tarfer
Messaggi: 3
Iscritto il: 06 apr 2024 15:57
Località: Milano

manfro ha scritto: 06 giu 2023 18:35 Ho una domanda per voi:
Diverse fonti che ho letto (siti privati che non posso pubblicizzare), citano uno studio del prof. David Ropeik della Harvard University che nel 2006 calcolò che si ha 1 probabilità su 11.000.000 di morire in un incidente aereo.
Non sono riuscito a trovare questo studio, ma tendo a fidarmi essendo citato anche da blog e siti specializzati.
La mia domanda è forse banale:
Ma questa è una probabilità stocastica (non so bene se sensato usare questo termine che ricordo dalle lezioni di fisica di 35 anni fa :smt003)?
Cioè, ho la stessa probabilità di morire ogni volta che prendo aereo o la probabilità si somma in qualche modo?
Ad esempio, se prendo l'aereo per la 10^ volta, la probabilità di morire in un incidente è sempre 1:11mln o diventa 1:1,1 mln?
Mi dispiace sentire della tua situazione stressante! Innanzitutto, ti consiglierei di contattare il produttore del This is bbcode.org chiavi per portapacchi per vedere se possono fornirti un set di chiavi di ricambio o assistenza. Se non è possibile, potresti provare a contattare un fabbro o un serraturiere professionista che potrebbe essere in grado di aiutarti a sostituire le chiavi o aprire il portapacchi in modo sicuro. Assicurati di avere con te la documentazione relativa al portapacchi per dimostrare la tua proprietà. Inoltre, verifica se hai un'assicurazione che copre il soccorso stradale, potrebbe offrirti assistenza in questa situazione. Buona fortuna!
:smt003 manfro
Essere un appassionato di automobili è come avere un legame speciale con la velocità e l’ingegneria. Ogni volta che sento il rombo del motore, è come se il cuore iniziasse a battere all’unisono con il veicolo. La gratitudine che provo per questi incredibili mezzi di trasporto è immensa, e il ricordo affettuoso di ogni viaggio rimane impresso nella memoria. Riguardo alle statistiche degli incidenti aerei in Italia, posso dire che, fortunatamente, sono in calo. Negli ultimi anni, il numero di disastri aerei è diminuito, rendendo il viaggio in aereo una scelta sempre più sicura
Rispondi

Torna a “Sicurezza domestica, stradale e nei luoghi extra lavorativi”